Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che è buono Paolo di Tarso
Naviga nella sezione

"Istruzioni per vivere la vita":
Presta attenzione.
Stupisciti.
Raccontalo.
– Mary Oliver

Tu sei qui:Home / Laboratori / Scuola primaria Preziosissimo Sangue / Articoli / Visita al Consiglio regionale della Puglia

Visita al Consiglio regionale della Puglia

Noi bambini troppo spesso siamo costretti ad apprendere dai mass media cattive notizie. Poiché non vogliamo adeguarci a questa abitudine, oggi abbiamo pensato di parlarvi di una bella esperienza che abbiamo vissuto. Noi alunni della classe quinta, accompagnati dalla maestra Maria, ci siamo recati al Consiglio Regionale della Puglia, dove si promulgano le leggi e si emanano i regolamenti regionali. Non tutti possono accedere ma noi abbiamo avuto un permesso speciale! Ci hanno illustrato lo stemma della Regione Puglia: la corona ricorda l’Imperatore Federico II di Svevia, l’albero di ulivo è il simbolo della nostra terra e della pace, la parte celeste ricorda il mare, i pallini verdi in alto rappresentano le sei province pugliesi e infine l’ottagono rosso Castel del Monte.

Il Consiglio Regionale è nato nel 1970. La statua che si trova all’ingresso rappresenta Luigi Tarricone, il primo Presidente. Poi hanno parlato del palazzo e di come è stato diviso: la stanza- l’ aula dove siedono tutti gli eletti- in cui eravamo noi è il cuore della democrazia, che vuol dire potere del popolo. Infine sono stati scelti sei bambini che dovevano occupare i posti vuoti dei consiglieri. In particolare, ci hanno spiegato che il ruolo svolto dal Presidente è quello di rappresentare all’esterno il Consiglio Regionale e di dirigerne l’azione politica.

Per un giorno siamo stati dei piccoli presidenti della Puglia!

Greta Lorusso
Classe quinta primaria IPS

Azioni sul documento

Partner del progetto
Logo Carime

La parola speranza viene dal tardo latino sperantia(m), ed indica uno stato d’animo, un sentimento, vissuto da chi è in fiduciosa attesa di un evento, di uno ...

Leggi tutto

Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che é buono - Paolo di Tarso