Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che è buono Paolo di Tarso
Naviga nella sezione

"Istruzioni per vivere la vita":
Presta attenzione.
Stupisciti.
Raccontalo.
– Mary Oliver

Tu sei qui:Home / Laboratori / Scuola primaria Preziosissimo Sangue / Articoli / Un’occasione per capire cosa e come dobbiamo mangiare

Un’occasione per capire cosa e come dobbiamo mangiare

Un medico spiega ai ragazzi gli errori dell’alimentazione quotidiana

Il 26 ottobre alle ore 18.00 all’istituto Preziosissimo Sangue si è tenuta una conferenza della dottoressa Colombarini , nota nutrizionista, sull’alimentazione.
Genitori e alunni hanno colto con interesse l’occasione di seguire questa conferenza ed alcuni ragazzi, per il progetto annuale sulla “Buona Notizia”, hanno intervistatala relatrice.

La dottoressa ha parlato della corretta alimentazione che consente, soprattutto ai giovani, di non avere problemi di obesità, anoressia e bulimia.

L’obesità è un problema molto comune soprattutto nei ragazzi tra i 12 e i 15 anni, dovuto all’assunzione di troppe calorie, non necessarie al corpo. L’anoressia, invece, è il contrario: chi soffre di questa malattia ha il rifiuto verso il cibo e diventa troppo magro. I malati di bulimia invece vomitano tutto ciò che mangiano.

Per evitare questi problemi la dottoressa ha spiegato la giusta alimentazione:

  • 5 pasti al giorno
  • Una buona colazione
  • Pranzo (pasta+secondo)
  • Cena (secondo+contorno)
  • Merenda (panino-merendina)
  • Evitare troppi zuccheri e carboidrati (pane, pasta, etc..)


Rispettando questi suggerimenti si può condurre una vita tranquilla.

La colazione e l’attività fisica sono fondamentali, la corretta alimentazione nell’età evolutiva è fondamentale: questo è stato l’oggetto della conferenza tenuta nella sala teatro dell’Istituto Preziosissimo Sangue di Bari dalla dottoressa Colombarini venerdì 26 ottobre. Prima della conferenza il dirigente scolastico ha introdotto l’argomento, dicendo che la corretta alimentazione è un tema che richiede una particolare attenzione, in quanto nel mondo ci sono delle persone in sovrappeso e altre che, invece, muoiono di fame.

Come la dottoressa ha detto, infatti, noi siamo quello che mangiamo.

Vanno osservati tutti i pasti, in particolare la colazione, che spesso viene trascurata. Utile ricordare l’importanza dell’attività fisica, che però è poco valida se si conduce in prevalenza una vita sedentaria condita da eccessiva alimentazione.

Tutto questo è stato illustrato e spiegato attraverso delle diapositive che hanno reso più facile la comprensione. Al termine della conferenza la dottoressa ha risposto alle domande degli spettatori e ha anche firmato un nuovo menù per la mensa scolastica.

Andrea Carlotta Romano e Annamaria Chiarello

Azioni sul documento
archiviato sotto: ,,

Partner del progetto
Logo Carime

La parola speranza viene dal tardo latino sperantia(m), ed indica uno stato d’animo, un sentimento, vissuto da chi è in fiduciosa attesa di un evento, di uno ...

Leggi tutto

E’ il ben pensare che conduce al ben dire - Francesco De Sanctis