Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che è buono Paolo di Tarso
Naviga nella sezione

"Istruzioni per vivere la vita":
Presta attenzione.
Stupisciti.
Raccontalo.
– Mary Oliver

Tu sei qui:Home / Laboratori / Scuola primaria Preziosissimo Sangue / Articoli / Un grande gesto d’ amore

Un grande gesto d’ amore

Un bambino aiuta suo padre a trovare lavoro. La notizia, che è davvero una buona notizia, ha colpito molto i piccoli redattori di IV elementare

Un bambino di nome Gideon di 7 anni frequenta la seconda elementare. Cerca disperatamente lavoro per il padre. Il bambino mentre andava a scuola incontra il suo amico gregorio di 7 anni come lui. Gideon si preoccupa tanto per il padre per questo chiede aiuto al suo amico Gregorio. Il bambino Gregorio chiede aiuto al nonno oliviero che è a capo di una fabbrica che lavora le carni .

Il nonno Oliviero è molto preoccupato per il padre di Gideon.

Oliviero assume per gentilezza il padre di Gideon, Patrik e suo figlio ringraziarono il nonno Oliviero per quello che aveva fatto.

Questa storia ci è piaciuta molto per il gesto che ha compiuto il nonno Oliviero.

Alessandra Centrone e Aurora Roca

 

Solidarietà tra i banchi di scuola

Il piccolo Gideon , tra i banchi della scuola Conegliano di Veneto, chiede all’ amico Gregorio: “puoi fare qualcosa per aiutare il mio papà a trovare lavoro? “ .

Il ragazzo toccato da questa storia, raccontò il problema del papà di Gideon a casa, dicendo che il pover’uomo aveva bussato a decine di aziende per trovare lavoro inutilmente. Nonno Oliviero dispiaciuto dalla vicenda trova lavoro a Patrik, il papà del piccolo Gideon , che ha potuto trovare serenità e uno stipendio.

Roberta e Arianna

 

A soli sette anni un bambino trova lavoro al papà disoccupato

Gideon parla del problema del padre al suo amico Gregorio e gli domanda : - ma non puoi fare niente per il mio papà che è senza lavoro ? Ed è da questo discorso fra due amici che nasce una speranza di lavoro per il padre di Gideon. Sono state le parole scambiate dai due bambini a risolvere la questione. Questa fantastica storia ci insegna che noi bambini siamo capaci di fare cose straordinarie.

Giorgia e Desiree

 

Lo sfortunato papà

Un signore ucraino era un ingegnere che lavorava in una fabbrica di aerei. Un giorno in ucraina cominciò la guerra e lui emigrò in italia senza trovare lavoro. Il figlio piano piano si fece un amico del cuore, si chiamava Alessandro. Gideon il figlio del disoccupato disse tutto ad Aessandro. Lui Lo raccontò a suo padre che lavorava in una fabbrica di carni. Il papà contattò l’ altro papà e gli disse – vieni davanti al mio garage-. Il giorno dopo i due papà si incontrarono e con una stretta di mano il papà venne assunto nella lavorazione delle carni.

Sarà stato molto difficile aiutare l’altro papà a trovare lavoro, per questo siamo fieri dei due bambini nostri coetanei.

Leandro e Stefano

 

Piccoli che si preoccupano dei grandi

Gideon che ha due fratelli si preoccupa di suo padre che da quattro anni è senza lavoro. Gideon frequenta la seconda elementare e racconta al suo amico Gregorio che Patrick è disoccupato. Gregorio confida a suo nonno ciò che gli ha detto Gideon. Il nonno Oliviero lavora le carni e decide di assumere il povero papà. Secondo me Gideon e Gregorio hanno fatto bene e hanno messo in moto la catena della solidarietà. Anche noi avremmo fatto la stessa cosa.

Sergio e Lorenzo

 

Apre la porta del lavoro al papà

Un bambino di sette anni, di nome Gideon figlio di un emigrato laureato in ingegneria , trova lavoro al padre Patrick (disoccupato) , in una industria della lavorazione delle carni . Il padre aveva bussato a decine e decine di aziende , invano. Gideon una volta andato a scuola, raccontò al suo migliore amico, che il suo papà era disoccupato. L’amico di Gideon ne parlò a casa con suo nonno Oliviero che era a capo di una delle aziende della lavorazione delle carni e lo assume. È una storia eccezionale : perché ci colpisce molto che questi due bambini di seconda elementare capiscano la crisi del papà !!!!! Se fossimo state nei panni di questo bambino non avremmo mai pensato a una cosa del genere.

Simona Romano e Angelica Milella

Azioni sul documento
archiviato sotto: ,

Partner del progetto
Logo Carime

La parola speranza viene dal tardo latino sperantia(m), ed indica uno stato d’animo, un sentimento, vissuto da chi è in fiduciosa attesa di un evento, di uno ...

Leggi tutto

Il termine “informare” vuol dire, alla lettera, dare forma, plasmare un data realtà. E’ la nostra coscienza che i media “informano”, cioè modificano, segnano, plasmano. - Carlo Maria Martini