Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che è buono Paolo di Tarso
Naviga nella sezione

"Istruzioni per vivere la vita":
Presta attenzione.
Stupisciti.
Raccontalo.
– Mary Oliver

I bambini

Riflessioni dopo il Forum "Bambini e Mass Media"

I bambini

Noi, giornalisti del Laboratorio Buona Notizia, siamo bambini.

Noi “bambini” spesso veniamo sottovalutati, quando invece abbiamo “occhi limpidi e sappiamo ascoltare”, o almeno è quello che ci dice Nelson Mandela attraverso la fiaba: IL CANTO INCANTATO DELL’ UCCELLO MAGICO.

Sono venuta a conoscenza di un progetto chiamato “BAMBINI E MASS MEDIA” che parla del rapporto fra noi bambini e i nuovi mezzi di comunicazione. L’intera aula, dove si è svolta la conferenza il 29 ottobre, è rimasta colpita dalla domanda che una bambina ha rivolto, in particolar modo alla dott.ssa Annalisa Caputo (docente di Linguaggi della Filosofia): “Perché voi grandi pensate di conoscerci?”.

Beh, in effetti, io penso che lei abbia ragione. Come possono sapere gli adulti perché noi siamo così presi, ad esempio, dai nostri cellulari? Ci sarà un motivo, ma come pretendono loro si saperlo, quando noi stessi abbiamo le idee confuse? E’ per questo motivo che il progetto ha preso vita, per discutere sulle ragioni di questo “fenomeno” (se così lo vogliamo chiamare), per mettere fine ai dubbi che voi, bambini cresciuti, vi fate venire tutte le volte che ci vedete con un telefonino in mano, per scovare le origini di questa dipendenza patologica che voi, in fin dei conti, avete creato con i vostri mezzi astuti.

Rachele Rossi
I°media

Azioni sul documento

Partner del progetto
Logo Carime

La parola speranza viene dal tardo latino sperantia(m), ed indica uno stato d’animo, un sentimento, vissuto da chi è in fiduciosa attesa di un evento, di uno ...

Leggi tutto

Se i modelli di vita proposti ai giovani sono quelli della televisione, come si può pretendere che la gioventù più esposta e indifesa non sia criminaloide? E stata la televisione che ha concluso l’era della pietà e ha iniziato l’era del piacere - Pier Paolo Pasolini