Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che è buono Paolo di Tarso
Naviga nella sezione

"Istruzioni per vivere la vita":
Presta attenzione.
Stupisciti.
Raccontalo.
– Mary Oliver

Tu sei qui:Home / Laboratori / Scuola primaria Preziosissimo Sangue / Articoli / Famiglie in piazza: la voce del popolo musulmano

Famiglie in piazza: la voce del popolo musulmano

Disegno di A. Cinquepalmi

Domenica 23 novembre 2015, in Italia, precisamente a Roma e a Milano, si sono verificate delle manifestazioni da parte del popolo islamico.
Si sono catapultati nelle piazze delle due città in 400 a Milano e in meno di mille a Roma. Avevano in testa solo uno scopo cioè far capire agli “animali” dell’Isis che cosa hanno provocato.
Hanno provocato non solo imbarazzo per i musulmani, ma anche enormi e molti pregiudizi negativi da parte di tutto il pianeta, ma soprattutto degli italiani,americani,russi e francesi su tutti i musulmani, buoni e cattivi.

Le manifestazioni sono iniziate la mattina presto e sono terminate verso le 19:00. Hanno partecipato uomini e donne,soprattutto uomini: molte donne si vergognano di mostrarsi in pubblico a viso scoperto.

Secondo me se si osserva tutto quello che è successo da un’angolazione diversa, si potrebbe trovare il buono: ogni nazione, stato, paese, collabora con gli altri più di quanto avesse fatto negli anni precedenti, quindi il buono che si può trovare è la solidarietà, l’aiuto, la fratellanza  di uno stato nei confronti dell’altro.

Manfredi Cristina, II media

Azioni sul documento

Partner del progetto
Logo Carime

La parola speranza viene dal tardo latino sperantia(m), ed indica uno stato d’animo, un sentimento, vissuto da chi è in fiduciosa attesa di un evento, di uno ...

Leggi tutto

La comunicazione tra gli uomini, per essere vera esige gratuità e accoglienza - Carlo Maria Martini