Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che è buono Paolo di Tarso
Naviga nella sezione

"Istruzioni per vivere la vita":
Presta attenzione.
Stupisciti.
Raccontalo.
– Mary Oliver

Tu sei qui:Home / Laboratori / Scuola primaria Preziosissimo Sangue / Articoli / C'è ancora speranza!

C'è ancora speranza!

Sebastien è un testimone dell’attentato a Parigi. E’ stato preso come prigioniero per 2 ore dall’Isis e ci ha parlato.

Disegno di Maria Teresa Ruta

Sebastien è un testimone dell’attentato a Parigi. E’ stato preso come prigioniero per 2 ore dall’Isis e ci ha parlato.

L’Isis è formato anche da ragazzi tra i 20 e i 30 anni riempiti di droga e denaro, un insieme di fanatici.

L’attentato che hanno realizzato,uccidendo centinaia di persone ,è,secondo loro, la risposta alle bombe lanciate dalla Francia in Siria. Sebastien dice che nel momento dell’attacco c’era un immenso silenzio: regnava il terrore. E’ vero che noi e i fanatici islamici abbiamo differenti tradizioni,diverse concezioni di religione,ma in fondo siamo tutti figli dello stesso Dio: l’Isis non ha fatto del male solo a noi,ma anche a se stesso.

Non tutti i membri dell’Isis, però, sono sfrenati: infatti Sebastien e un’altra ventina di persone non sono stati uccisi e due ragazzi hanno obbligato un prigioniero a prendere un mazzetto di soldi e bruciarlo,per provare agli occhi dei prigionieri l’importanza- nessuna-del danaro per loro. I due ragazzi poi hanno puntato il kalashnikov su Sebastien ma non hanno avuto il coraggio di ucciderlo.
Sebastien dice:”Me ne ricorderò come un inizio di speranza, perché non hanno voluto uccidermi”.

Anche secondo me questo è l’inizio di una nuova speranza, perché forse l’Isis non è così crudele come sembra. Non tutti ma alcuni ragazzi che fanno parte dell’Isis hanno un cuore.
Ed io, come Sebastien, voglio avere questa speranza

Giovanna Fraccascia, II media

Azioni sul documento
archiviato sotto:

Partner del progetto
Logo Carime

La parola speranza viene dal tardo latino sperantia(m), ed indica uno stato d’animo, un sentimento, vissuto da chi è in fiduciosa attesa di un evento, di uno ...

Leggi tutto

Non è vero che tutto va detto, urlato, mostrato. Deve pur esistere la capacità di alludere, di far intendere, di adombrare - Carlo Maria Martini