Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che è buono Paolo di Tarso
Tu sei qui:Home / Forum / Scuola primaria Preziosissimo Sangue

La pubblicità

Progetto degli alunni della classe III della Scuola primaria dell’Istituto “Preziosissimo Sangue”

Nella maggior parte dei paesi europei non si possono interrompere i programmi per ragazzi con le pubblicità né utilizzare i bambini negli spot.
Si è consapevoli (e ci si comporta di conseguenza) del potere di condizionamento degli spot: brevi, veloci, fatti apposta per lasciare una traccia percettivo/ emotiva nella mente dello spettatore. L’obiettivo di molta della pubblicità che compare sui nostri schermi è che i bambini “assillino” i genitori spingendoli all’acquisto, non solo di giocattoli, zainetti, merendine ecc., ma anche di prodotti per la casa, automobili, creme, surgelati, telefonini. Siamo sicuri di volere che i nostri bambini vengano condizionati? Il Forum “Bambini e Mass media” ha offerto agli alunni della scuola primaria dell’Istituto “Preziosissimo Sangue” di Bari l’occasione di riflettere sul mondo della pubblicità. In questo articolo sono raccolte alcune delle opinioni che i bambini della classe III hanno espresso durante le discussioni in classe (tavole rotonde, lavori di gruppo, attività laboratoriale) guidati dalla loro insegnante di italiano. Di seguito i pensieri dei bambini.

La pubblicità è… una forma di comunicazione che pubblicizza dei prodotti;

•qualcosa che fa interessare le persone; •un mezzo di comunicazione che qualche volta fa paura;

•una interruzione continua;

• un piccolo intrattenimento che si usa per sponsorizzare prodotti ed eventi;

• un’interruzione televisiva che fa vedere tanti tanti prodotti per invogliare a comprarli;

• una strategia per fa vedere e vendere i prodotti; •un’informazione che ti spiega per esempio che è stata realizzata una maglietta di Frozen, il regno di ghiaccio;

• un piccolo filmato che ti permette di vedere quello che si vende nei negozi e tutti i nuovi prodotti Serve se…

• pubblicizza cose utili; •fa conoscere prodotti nuovi che possono piacere e interessare;

• dà informazioni importanti. Quelle che ci piacciono di più…

• la pubblicità che mi piace di più quella dei robot perché ha dei suoni belli e delle immagini piacevoli;

• quella di Cicciobello Bua;

• quella della pizza perché è gustosa, mi piace e fa venire l’acquolina in bocca;

• quella di Dori, ha delle belle canzoni e a me piace il film;

• quella di Ghostbusters perché i fantasmini fanno ridere;  •quella della penna Cancelik per la musica;

• quella di Pets, vita da animali perché è simpatica! •quella delle automobili, perché fa vedere i colori e il modello: io adoro le auto!

• quella dei giocattoli, perché è molto colorata e allegra;

• quelle che fanno paura;

• quella dei biscotti mi fa venire voglia di mangiarli;

• quella degli zaini SJ;

• quella della Nutella, Fanta e delle Tic Tac: allegre e divertenti! Bambini e pubblicità

• non è bello usare i bambini per una pubblicità per adulti;

• vanno bene insieme, purché i bimbi non facciano quelle dei grandi;

• quando usano i bambini per le pubblicità paurose non va molto bene, possono far venire incubi e avere effetti collaterali;

• i bambini non devono fare la pubblicità perché in questo modo vengono usati per fare cose da adulti.

Azioni sul documento

Partner del progetto
Logo Carime

La parola speranza viene dal tardo latino sperantia(m), ed indica uno stato d’animo, un sentimento, vissuto da chi è in fiduciosa attesa di un evento, di uno ...

Leggi tutto

Non è vero che tutto va detto, urlato, mostrato. Deve pur esistere la capacità di alludere, di far intendere, di adombrare - Carlo Maria Martini