Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che è buono Paolo di Tarso
Tu sei qui:Home / Editoriali / Comunicare il bene

Comunicare il bene

Non basta fare il bene, bisogna comunicarlo bene.

Parafrasando una massima di Diderot (Non basta fare il bene, bisogna anche farlo bene) con un adeguamento ai tempi che viviamo, segnati oltre il dovuto da un sistema mass mediale invasivo, potremmo dire: Non basta fare il bene, bisogna comunicarlo bene.

Se in effetti il buon samaritano non ha bisogno di esaltare il suo gesto di amore poiché non ha nulla da chiedere in cambio, i cristiani comunicatori oggi non possono esimersi dal valore e dal gesto della testimonianza, poiché questo significa partecipare in prima persona alla rinnovazione educativa della società contemporanea.
Siamo purtroppo sommersi in televisione e sui giornali dalla cosiddetta “spazzatura” che pare essere direttamente dipendente dall’eccessiva presenza di cronaca nera, di violenza, di sopraffazione, di vanità e di inutilità.
E tutti sembriamo essere travolti in una spirale perversa in cui non sembra esserci spazio per le belle notizie, le belle storie. Eppure di storie belle, da sempre, si riscalda il cuore degli uomini.
Persino nello spettacolo e nell’arte emerge da troppo tempo la bruttezza, un impegno costante alla denuncia del male, senza tener conto che il vero ostacolo al male é l’amore, con la gioia della sua testimonianza, la felicità della sua manifestazione, l’entusiasmo della sua presenza.

Né mi convince più di tanto l’affermazione che i media siano lo specchio della società. E’ vero che una società brutale non può che avere una comunicazione di massa brutale, ma è altresì vero che la comunicazione mass-mediale ha un forte valore educativo e formativo da cui non si può e non si deve prescindere.

La verità è che la comunicazione la fanno gli uomini, e se questi sono alienati, privi di amore, lontani dalla relazione con lettori, o telespettatori, non possono che fare una cattiva comunicazione, senz’anima.
Occorre cambiare registro, e a farlo devono essere tutti gli uomini di buona volontà, primi fra tutti i cristiani comunicatori.

Il bene non fa quasi mai notizia, ma la notizia del bene fa bene alla comunità.

Enzo Quarto

Presidente Unione Cattolica Stampa Italiana – Puglia
enzoquarto@fastwebnet.it

Azioni sul documento
archiviato sotto:

Partner del progetto
Logo Carime

La parola speranza viene dal tardo latino sperantia(m), ed indica uno stato d’animo, un sentimento, vissuto da chi è in fiduciosa attesa di un evento, di uno ...

Leggi tutto

Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che é buono - Paolo di Tarso