Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che è buono Paolo di Tarso

"Istruzioni per vivere la vita":
Presta attenzione.
Stupisciti.
Raccontalo.
– Mary Oliver

Tu sei qui:Home / CarcereLab / Articoli / Lettera alla mamma

Lettera alla mamma

“Tu mia cara mamma, non uscirai mai da questo cuore di dolori e sofferenze perhè sei la gioia del mio cammino, in una vita crudele ma con tanta gioia di te. Tu creatura per sempre mia”

Mamma,

tu creatrice della mia vita, il sogno di me infante, sei la cara e dolce mamma che la tua forza e il tuo coraggio di vivere ha trasformato in luce il nostro crescere.

Tu, dal primo giorno di esistenza, hai saputo riscaldarmi il cuore.

Tu che sapevi la realtà della vita e hai dato il tuo cuore tra le nostre mani facendo respirare le nostre giornate piene di gioia, allegria e armonia, sei il mio riparo da una giornata uggiosa, sei il tramonto di una sera stellata.

Tu, con i tuoi modi di essere, mi sconfiggi la parola noia.

Il tuo sorriso, le tue labbra riempiono la mia giornata buia e tetra.

Sei la cura dei miei malanni, sei la beata santa della protezione, sei lo scudo della mia vita.

Da te hoimparato l’educazione, da te ho saputo amare la famiglia.

Ogni tua parola è un libro dei miei sogni., le tue sofferenze erano le mie, le tue gioie erano nel mio cuore, i tuoi consigli erano l’ossigeno della mia vita.  I tuoi rimproveri sono l’educazione del mio essere. Hai saputo correggere i miei errori con una carezza e un abbraccio, guardando il santo padre Gesù.

Sei l’angelo dalle ali dell’amore. E le parole scritte sono poco per dirti quanto ti amo e ti voglio bene.

Tu mia cara mamma, non uscirai mai da questo cuore di dolori e sofferenze perhè sei la gioia del mio cammino, in una vita crudele ma con tanta gioia di te.

Tu creatura per sempre mia.

Antonio

Azioni sul documento
archiviato sotto:

Partner del progetto
Logo Carime

La parola speranza viene dal tardo latino sperantia(m), ed indica uno stato d’animo, un sentimento, vissuto da chi è in fiduciosa attesa di un evento, di uno ...

Leggi tutto

Il termine “informare” vuol dire, alla lettera, dare forma, plasmare un data realtà. E’ la nostra coscienza che i media “informano”, cioè modificano, segnano, plasmano. - Carlo Maria Martini