Esaminate ogni cosa e trattenete ciò che è buono Paolo di Tarso

"Istruzioni per vivere la vita":
Presta attenzione.
Stupisciti.
Raccontalo.
– Mary Oliver

Tu sei qui:Home / CarcereLab / Articoli / Cento sfumature di donna

Cento sfumature di donna

Esilarante commedia tutta al femminile, in cui si intersecano le più svariate sfumature delle personalità che compongono l’universo “Donna”

Personaggi

 

Sabrina la parrucchiera, curiosa ma anche buona ascoltatrice, dolce e gentile

Jennifer l’aiutante parrucchiera, pettegola, impicciona e ironica

Frida la massaggiatrice, equilibrata e arrabbiata con gli uomini

Veronica l’estetista, tranquilla e silenziosa

Angelica la futura sposa, buona, ottimista, crede in tutto ed è convinta che sarà felice

Amanda la suocera, critica tutti, vuole decidere per la nuora, egoista e vanitosa

Signora Petrof, una donna ricca ma avara, vanitosa, superba

Asia la figlia viziata, risponde sempre male, pretende denaro e divertimento

Carmela la sarta, pettegola, non fa credito a nessuno

 

ATTO UNICO

 

Sulla scena è rappresentato un salone di bellezza.

Jennifer sta pettinando Angelica, la futura sposa, mentre Veronica le sta curando le unghie.

Entra la Signora Petrof.

Sabrina: Buon giorno signora Petrof!

Jennifer e Veronica (tra loro facendo smorfie): Buon giorno signora Petrof…!

Signora Petrof: Buon giorno ragazze! Oggi ho deciso di dedicarmi un po’ a me…mi sento troppo stressata: mia figlia non fa altro che chiedermi soldi…!

Jennifer e Veronica (tra loro in silenzio): Lei stressata! Ma se il marito la mantiene da una vita!!!

Sabrina: Non si preoccupi. Ci penso io a lei! Se vuole abbiamo anche una brava massaggiatrice…

Angelica: Davvero?! Beh anche io sono molto stressata!!!! Con tutti questi preparativi. Il 5 mi sposo!!!

Signora Petrof: Ah come mi piacerebbe che anche mia figlia si sposasse! Quella non fa altro che andare in discoteca e comprare vestiti firmati: Chanel, Versace, Gucci…

Jennifer (a Sabrina): Guarda guarda…quella non fa altro che darsi tante arie…la futura sposa… ma non sa cosa l’aspetta con quella suocera…è peggio di una vipera!

Sabrina(a Jennifer): Zitta, zitta, non farti sentire… dimmi, dimmi, racconta…

Jennifer: ma come faccio se mi dici di stare zitta?!

Sabrina: parla, ma con una certa discrezione…

(Jennifer e Sabrina parlottano tra loro)            Entra Amanda, come una star.

Amanda: buongiorno!

Jennifer: guarda…proprio lei!

Sabrina: ma chi?

Jennifer: la vipera! La futura suocera.

Angelica: ciao mammina!

Amanda: Anche tu qui?

Angelica: si, ma io sto solo rifacendo le unghie delle mani…

Amanda: tu puoi pure rifarti tutta, tanto sempre uno schifo sei…

Angelica (guardandosi allo specchio): quella è solo invidia…è perché ti sto portando via il tuo figlioletto?!

Per non far litigare le due donne, interviene Carmela.

Carmela: buongiorno signora Amanda. Anche lei qui?

Amanda: si, sono venuta a farmi la tinta…

Carmela: avete ragione, d’altronde dovete pensare anche a voi…lo sanno tutti come lavorate, e poi adesso con i preparativi del matrimonio…

Amanda: ha ragione Carmela…con tutti i vestiti da comprare…

Carmela: appunto… io il vostro vestito ce l’ho pronto e voi ancora non lo ritirate…lo sapete che non faccio credito…

Entra Asia tutta pimpante. Asia: ciao ragazze!

Signora Petrof: ciao amore di mamma…pure tu ad aggiustarti i capelli?

Asia: no mamma…mi servono i soldi per stasera.

Signora Petrof: anche qui!

Asia: ma mamma! Lo sai che vado a ballare e mi servono i soldi per un vestito nuovo. E per il parrucchiere…quello di lusso però!

Signora Petrof: basta! Sono stufa. Non ti dò un bel niente! Devo pensare anche a me: vado in vacanza con le mie amiche!

Asia: proprio a me doveva capitare una madre ricca e tirchia!? Chiamerò papà…    (fa il numero ed esce a parlare al cellulare)

Angelica: io e il mio amore non andiamo mai a ballare…

Amanda: se continui così ti lascerà…devi essere sempre carina, truccata, ben vestita, cucina, pulisci, andate fuori, divertitevi… ti dirò io cosa fare, come diventare…

Angelica (tristemente): madò che vita che mi aspetta…

Veronica:  ma chi glielo fa fare a sposarsi?!

Frida: gli uomini sono tutti traditori!

Carmela: io ho risolto il problema alla radice: magg luat da nanz… (e fa un gesto con la mano come una croce)

Signora Petrof: non è vero! Il principe azzurro esiste…io lo sto aspettando per mia figlia…

Sabrina: ah, quante ne ho sentite di storie sugli uomini…!

Jennifer: per me gli uomini se l’è inghiottiti il rumore del mare!

Frida: no, gli uomini devono affogare (e fa il gesto) nel mare…

Angelica: non fate coì…io sono tra le nuvole: il mio fidanzato mi manda fiori tutti i giorni!

Amanda (gridando disperata): chissà quanti soldi spende!

Signora Petrof: quanto spende e spende…i soldi per le donne sono sempre ben spesi…fate come me: sono 30 anni che mio marito mi mantiene!

Asia: e mantiene anche me…

Jennifer (a Sabrina): meno male che ci sono gli uomini che pagano e ci fanno lavorare…

Carmela: quale lavorare e lavorare! Qua l’unica che lavora sul serio sono io…!

Veronica: lavorare? Ma se sto aspettando la mia gonna da un mese e mezzo!

Carmela: è normale! Io non faccio credito. Mi devi pagare!

Angelica: non parliamo di soldi. Parliamo d’amore!

Asia: i ragazzi servono solo per divertirsi, non hai capito ancora?! Io ne cambio uno al giorno…e pima di uscire mi assicuro che abbiano il portafoglio pieno…

Signora Petrof (orgogliosa): tutta la madre….

Amanda: non sono i soldi che contano, ma la bellezza!

Jennifer: però i soldi aiutano…come le hai pagate le punturine in faccia?

Amanda: e mica solo quelle! Mi sono rifatta tutto quello che potevo. Ho più silicone io che una Barbie!

Angelica: andiamo che i nostri uomini ci aspettano…      Amanda e Angelica escono.

Asia: mamma, papà ha mandato un messaggio. Ci sta aspettando. E mi sembra anche abbastanza arrabbiato…     Asia e la Signora Petrof escono.

Jennifer: parlano e parlano, ma sempre dai mariti tornano…

Carmela: si è fatto tardi. Vado a lavorare…(esce)

Jennifer: era ora…

Sabrina: oggi è stata una giornata molto faticosa…

Frida: dai ragazze, è ora di chiudere.

Veronica: io scappo! Ci vediamo domani! (esce)

Jennifer:  Sabrina, mi dai un passaggio? Con quello che mi paghi, non mi posso permettere nemmeno un motorino…         Escono tutte.

Classe Scuola Media – Sezione Femminile

Azioni sul documento
archiviato sotto:

Partner del progetto
Logo Carime

La parola speranza viene dal tardo latino sperantia(m), ed indica uno stato d’animo, un sentimento, vissuto da chi è in fiduciosa attesa di un evento, di uno ...

Leggi tutto

Nessuno ama l’uomo che porta cattive notizie - Sofocle